marketing & consulenza

  • Alessandro Raschellà

QUANTO SCRIVERE SUL BLOG?

Aggiornato il: 17 feb 2018

Spesso mi viene chiesto con che frequenza è opportuno pubblicare articoli nel proprio blog e se è il caso di essere costanti. Per questo ho deciso di parlare di questo argomento e chiarire definitivamente l'argomento.


La frequenza degli articoli va data  in base al tipo di blog ed in base alla concorrenza. Non esiste quindi una regola generale che dica quanti sono gli articoli che vanno pubblicati. Vediamo un po’ come valutare questi due fattori:


Tipo di blog:

La tipologia degli elementi è importante poiché, se tratta argomenti generali, sarà possibile avere diverse categorie e avrai più materiale per scrivere i tuoi articoli.


Concorrenza:

In genere, maggiore è la concorrenza e maggiore deve essere la frequenza con cui scrivi.  Ricorda sempre che una cosa da non trascurare è la costanza, qualsiasi sia il tuo tipo di frequenza. Se scrivi due articoli a settimana cerca di pubblicarli sempre durante le stesse giornate per dare l’effetto di continuità.

In questo modo ottieni due vantaggi principali:

Conquista del lettore:

Il lettore troverà un sito costantemente attivo. Dunque mostrerai di essere affidabile poiché sei attento alle novità. Inoltre non annoi chi ti segue ma, anzi, lo invogli nella lettura e nel conoscere le informazioni che man mano gli proponi.


Conquista dei motori di ricerca:

Google e gli altri motori di ricerca, con il passare del tempo, stanno sempre dando maggiore importanza ai siti che vengono aggiornati con maggiore frequenza. Maggiori sono i contenuti nuovi e non copiati all’interno del sito e maggiore sarà la “considerazione” che avrà di te Google. I motori di ricerca si mettono nei panni di chi effettua una ricerca sapendo che l’utente vuole avere informazioni affidabili e recenti!


Ma se hai troppi impegni che non ti permettono di scrivere con il ritmo che vorresti, non riuscendo così a garantire l’articolo giornaliero che invece ti servirebbe, Esistono due soluzioni:

Affidati ad un esperto:

La migliore scelta tra le due opzioni è affidarsi ad un esperto, cioè un articolista che scriverà sul tuo blog garantendo una continuità. Inoltre se ti affidi alle persone giuste, esperte in materia, avrai dei maggiori vantaggi nei motori di ricerca. Questo perché un copywriter professionista conosce bene le parole giuste da usare e le nozioni SEO che permettono di farti superare la concorrenza e portare il tuo blog tra i primi in classifica. Forse starai pensando che questi servizi siano dispendiosi, ma ti garantisco che un servizio simile è tra i più economici che vengono offerti e che si ha sempre un ritorno economico molto più vantaggioso rispetto a quanto si spende. Provare per credere!


Scrivi meno:

Altra scelta è quella di scrivere meno. Ricorda che se non hai tempo per prenderti in carico un impegno è meglio non occuparsene, oppure cercare di alleviare il peso scrivendo in minor quantità. Scrivi poco ma scrivi, anche se avresti bisogno di esser maggiormente continuativo. Cosa importante resta comunque la costanza.

Ricorda sempre che quando offri degli articoli ai tuoi lettori li stai “coccolando”, scrivere un articolo deve essere il tuo modo per confrontarti ed esporre le tue conoscenze con i tuoi utenti.


#web #blog #copyright

2 visualizzazioni
© 2018 copyright alessandroraschellà I PI. 02448920997 I privacy e note legali

Piazza Sauli 7 16121 Genova

Telefono: +39 346 66 23 616

mail: info@alessandroraschella.it

  • Facebook - Bianco Circle
  • LinkedIn - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • Twitter - Bianco Circle
  • Google+ - Bianco Circle

invia un messaggio

Fornisco il consenso per l'invio di informazioni di marketing descritte nell’informativa

Gli eventuali dati personali forniti saranno acquisiti dal Titolare del trattamento che li tratterà, secondo la legge sulla privacy, al solo scopo di rispondere alla richiesta di contatto e, se autorizzati ,a comunicazioni commerciali. I dati non saranno ceduti a terzi. La cancellazione potrà essere richiesta in ogni momento inviando una comunicazione come previsto nel documento della privacy (secondo GDPR)